SEC sta indagando sulle vendite di Twitter, azioni di Facebook per conflitti di interesse - Social Media - 2019

Anonim

Secondo il Wall Street Journal, la Securities and Exchange Commission sta indagando sul mercato azionario di società private, tra cui Facebook e Twitter. La SEC sta sondando "potenziali conflitti di interesse" dal momento che queste società stanno vendendo azioni su mercati secondari.

Clienti come SecondMarket e SharesPost sono in gran parte responsabili per la detenzione e la vendita di questi tipi di azioni per prezzi che hanno poco da offrire oltre alle valutazioni del campo da baseball. Il conflitto: i maggiori intermediari di una di queste organizzazioni vendono le azioni della società privata per il taglio più ampio loro ottengono. In breve, è vantaggioso far girare Twitter o le valutazioni di Facebook come più grandi di quanto potrebbero effettivamente essere. Tuttavia, un portavoce di SecondMarket ha detto a WSJ che tutte le valutazioni si basano su fonti esterne e che i prezzi delle azioni sono stabiliti solo dopo le negoziazioni e che questo a sua volta crea "un mercato oggettivo." Ma tutto diventa molto torbido quando si tratta di società private e le loro informazioni finanziarie estremamente private, e questo è il motivo per cui la SEC sta intervenendo. Il WSJ fa riferimento che la commissione sta esaminando anche altri venditori di titoli del settore privato, ma non ne elenca in modo specifico.

La commissione regolamenta già SecondMarket, compresi i suoi singoli broker e investitori nonché le vendite specifiche. Tuttavia, SharesPost non rientra nel controllo della SEC - ancora. Se forze inarrestabili come Facebook e Twitter vogliono continuare a costruire il proprio portafoglio di titoli azionari e operare come società private, probabilmente dovranno sopportare la supervisione della commissione in tutte le piattaforme di trading che utilizzano. La borsa privata è un'area grigia che la SEC non può controllare, ma quando le società private stanno facendo milioni di dollari in giri di raccolta fondi, attira l'attenzione. Di recente, Facebook ha dovuto limitare le sue vendite di azioni ai consumatori al di fuori degli Stati Uniti solo quando il suo accordo con Goldman Sachs attirava un interesse imprevisto da parte della SEC.

Facebook e Goldman Sachs potrebbero essere sfuggiti a un'indagine a tutti gli effetti in quel particolare affare, ma la SEC non sta facendo marcia indietro, e la questione potrebbe essere stata la causa per la creazione di un mercato privato molto più trasparente. Ehi, se non altro, forse questo ispirerà più di quei documenti IPO per iniziare a riversarsi.