SEAN PARKER, ARI EMANUEL E IL THEAUDIENCE DI OLIVER LUCKETT RACCOLGONO $ 20 MILIONI PER AIUTARE LE CELEBRITÀ A NAVIGARE SUI SOCIAL MEDIA - TECHCRUNCH - SOCIAL MEDIA - 2019

Anonim

A luglio, ci siamo imbattuti in una startup furtiva chiamata theudience, che si proponeva di essere in missione per aiutare le celebrità indaffarate a navigare nel mondo dei social media. Opportunamente, l'avvio è stato un prodotto delle sue radici A-list, il risultato di una partnership tra Napster, Plaxo e co-fondatore di Airtime e presidente fondatore di Facebook, Sean Parker e superagente di Hollywood e il co-CEO William Morris Ari Emanuel.

Guidata dall'amministratore delegato Oliver Luckett, fondatore di serie ed ex vicepresidente senior di Disney, la società gestisce i conti dei social media di 300 celebrità, che raggiungono collettivamente oltre 800 milioni di fan. L'elenco dei clienti della startup, secondo il New York Times, include nomi come Mark Wahlberg, Charlize Theron, Eddie Murphy e Jack Black.

E ora, ha imparato, l'Audience ha trovato un bel pezzo di cambiamento per supportare la sua crescente rete di contenuti sui social media, in quanto la società ha confermato oggi di aver chiuso un giro di $ 20 milioni di finanziamenti della serie A. Gli investitori del round comprendono Founders Fund, Guggenheim Partners, Participant Media, Capricorn Investment Group e Intertainment Media.

Ciò si aggiunge al "significativo finanziamento di seed" che la società ha sollevato da William Morris Endeavour per precedere il suo lancio ad aprile 2011, ha detto la società. Come risultato del round, Sean Parker e un anonimo rappresentante di Guggenheim si uniranno al consiglio di amministrazione della startup, che include già Emanuel e Luckett.

Il finanziamento aiuterà l'Audiene a espandere la sua rete già considerevole e ad ingrassare le ruote per corteggiare gli sponsor e costruire il proprio staff. Con il mondo che adotta rapidamente i social media, i fan sono desiderosi di connettersi e seguire le loro celebrità preferite e, per la maggior parte, gli A-listers sono stati felici di accontentarsi. Naturalmente, molte celebrità si sono trovate sul punto di vista di ire o di pubblicità sfavorevole dopo una gaffe dei social media o un tweet errante.

Molti si rivolgono a scrittori o assistenti di fantasmi per aiutarli a gestire il proprio marchio personale ed evitare i passi falsi dei social media. Ma l'Audience vuole oltrepassare semplicemente la gestione di tweet e post di Facebook per i suoi clienti famosi, come Luckett dice che l'azienda non sta solo cercando di proteggere queste celebrità dal cattivo marketing automatico forzato dagli studios, ma anche per aiutarle a ottenere di più da le loro orme di social media spesso considerevoli.

theudience ha sviluppato un software per tracciare il successo di post e tweet a muro, per misurare il livello di coinvolgimento dei fan con post particolari, il coinvolgimento dei fan, l'ora del giorno migliore per pubblicare determinati tipi di contenuti e così via. Luckett ha una certa esperienza nella gestione di account di social media per grandi proprietà, aiutando la Disney a portare i suoi personaggi su Facebook per 150 milioni di like e oltre 500 milioni di impressioni mensili dopo che la sua azienda, DigiSynd, è stata acquisita da Disney nel 2008.

theudience lavora anche direttamente con le case discografiche, i marketer e i promotori di film, tra cui, recentemente, la campagna di Obama. Luckett ci dice che la società ha collaborato con Obama per l'America nell'autunno del 2011 per aiutare a "rinvigorire i social media della campagna e consentire ai fan di diffondere la notizia" creando un'architettura sociale in rete che si concentra sulla creazione di contenuti condivisibili, infografica e così via e lanciando le pagine di Facebook destinate ai gruppi di collegi elettorali chiave.

Usando quello che lui chiama un approccio "cluster di affinità", che enfatizzava una rete di pagine basate su stati, collegi elettorali e così via, la compagnia programmava il contenuto attraverso la rete, modificando il tipo di contenuto in base al feedback e al coinvolgimento dei fan. Il contenuto di meme e infografica ha raggiunto oltre 261 milioni di persone a settimana con un tasso di viralità medio superiore all'11%, dice Luckett.

È questo tipo di maggiore coinvolgimento che ha aperto la porta all'audience affinché applichi un premio per i suoi servizi - una tariffa mensile che parte da circa $ 5000, secondo il New York Times. Sempre più spesso, le celebrità stanno inserendo questa carica nei loro contratti con studi ed etichette, che sono comprensibilmente meno entusiasti di dover sopportare queste tasse aggiuntive quando vogliono che le loro star promuovano i loro contenuti sui loro canali social.

In termini di autenticità, mentre le celebrità che lavorano con l'Audience non creano necessariamente i propri contenuti su base regolare, la società ottiene l'approvazione dei propri clienti prima di eliminare i tweet ottimizzati e gli aggiornamenti di stato - e consente loro di personalizzare i messaggi prima cadono. L'idea è che, anche se non è stato scritto da Celebrity X o Y, è ancora più allettante di un messaggio di marketing standard e asciutto sul loro ultimo film e dà alle celebrità il controllo sulla loro portata e, idealmente, una migliore relazione con i loro fan.

Che si tratti di un sistema migliore rispetto all'alternativa, con Parker ed Emanuel a bordo, l'Audience ha almeno un colpo assicurato ai suoi 15 minuti sotto i riflettori.

Theudience qui.