NON COSÌ SOCIALE: GOOGLE E FACEBOOK SI CONFRONTANO CON SUPERNOVA - TECHCRUNCH - SOCIAL MEDIA - 2019

Anonim


Oggi alla conferenza di Supernova c'era un pannello su chi possiede il social graph. I relatori erano Kevin Marks di Google, Joseph Smarr di Plaxo e Dave Morin, Senior Platform Manager di Facebook. La conversazione è diventata molto interessante quando il moderatore Tantek Celik ha sottolineato un post di David Recordon che mostrava come Facebook blocca il prodotto Friend Connect di Google e non consente agli utenti di estrarre il proprio social graph Facebook attraverso Google. Morin di Facebook ha dichiarato che la ragione per cui lo stanno facendo è perché l'implementazione di Google non è conforme ai termini di utilizzo, mentre i Mark di Google hanno risposto dicendo che credevano fortemente di essere nei termini di utilizzo, e altri hanno suggerito che potrebbe esserci un ulteriore motivo per bloccare la connessione di un amico.

Google Friend Connect è un'API e un'applicazione che consente agli utenti di estrarre i dati dei social graph da varie reti e quindi utilizzare i dati in altre applicazioni che supportano l'API. Quindi, per essere efficace, Friend Connect richiede che i social network più grandi consentano l'estrazione dei dati in una forma o nell'altra. Facebook fornisce un'API, ma a quanto pare non gli piaceva il modo in cui Google utilizzava quell'interfaccia come parte di Friend Connect. Tantek ha tentato di indurre sia Marks che Morin a raggiungere una soluzione mentre erano sul pannello, ma Morin ha ripristinato un precedente commento sul fatto che "i membri di entrambe le parti erano in discussione sull'elaborazione di una soluzione". Era implicito che ciò avvenisse a livello di ingegneria e di direzione, e che i team legali avessero versato i vari accordi sui termini di utilizzo.

Una domanda dal pubblico ha chiesto perché Facebook sta ricadendo sui loro termini legali globali come una ragione per non consentire ai singoli utenti di estrarre i propri dati. Facebook si è impegnato a risolverlo, e Morin ha dichiarato che volevano consentire agli utenti di accedere liberamente ai propri dati. È evidente che c'è una guerra di controllo qui, con Facebook esitante a consegnare le chiavi del proprio social graph a Google, nonostante il fatto che ogni singolo utente debba richiedere di recuperare i propri dati.

Abbiamo registrato un video con David Recordon di Six Apart, che originariamente ha pubblicato il problema sul suo blog e che faceva parte di una discussione di gruppo separata che riguardava standard e formati aperti.

//qik.com/player.swf?streamname=94edd6c6bb6c4e8794b2983d06d1d11c&vid=105874&playback=false&polling=false&user=stevegillmor&userlock=true&islive=&username=anonymous