Musica

Spotify finalmente fa il suo debutto negli Stati Uniti
Spotify sta iniziando a somigliare al ragazzo che piangeva il lupo. Dopo aver tentato di introdurre una versione americana per due anni, e nonostante i mesi di "imminenti lanci negli Stati Uniti" che abbiamo subito, sembra ancora una volta che Spotify sta per arrivare negli Stati Uniti. Come al solito, ci sono alcune prove abbastanza solide a sostegno di ciò: AllThingsD riferisce che il fenomeno europeo dello streaming musicale ha appena chiuso un giro di raccolta di 100 milioni di dollari (aumentando la sua valutazione a circa 1 miliardo di dollari) ed è in trattativa con l'ennesimo grande record americano etichetta, Warner Music Group. La conclusione è stata confermata da Spotify per la conferma di Jonathon Forster. "Stiamo firmando le restanti offerte mentre parlo. Non pubblicheremo prima del 5 luglio ", ha detto Forster ad una conferenza di Omnicom a Londra all'inizio di questa settimana secondo Silicon Valley Watcher.Spotify ha già stretto accordi con Universal Music Group, Sony ed EMI Music Group. Ottenere le sue anatre di fila prima di un lancio ufficiale ha i suoi benefici e le sue conseguenze: L'introduzione di un servizio di streaming musicale senza il supporto di etichette prerequisito consigliato si è rivelata una mossa rischiosa, una che per lo meno ottiene scettici alzando un sopracciglio e la musica l'industria sta diventando una spalla fredda (giusto Google e Amazon?). La conseguenza è che più Spotify è assente, più tempo i consumatori devono acclimatarsi al loro attuale modello musicale di abbonamento. Non mancano le opzioni: Rdio, Mog, Slacker, Pandora, Rhapsody e Sony Music Unlimited sono solo alcuni dei servizi supportati dall'etichetta. Inoltre, Google Music, Amazon Cloud Player e il prossimo iCloud attireranno grande attenzione e interesse da parte dei consumatori. Spotify è il miglior cane in Europa dove non ci sono tante opzioni di streaming freemium accessibili, e ci sono diverse tariffe flat per servizi musicali illimitati negli Stati Uniti. Molti di loro hanno prezzi estremamente simili a Spotify, che è probabile che siano $ 10 al mese per la musica illimitata.Nell'angolo di Spotify c'è l'enorme quantità di hype positivo ricevuto, così come l'eventuale integrazione di Facebook (che sarà separata dall'applicazione reale e dal suo lancio ufficiale). Anche la sua valutazione impressionante e le recenti iniziative di finanziamento fanno ben sperare per il sito. Se è in grado di convincere gli investitori a valere così tanto di fronte a una così abile competizione in un mercato così ampio, allora ci deve essere qualche prova seria del successo degli Stati Uniti.