Diagramma di flusso: come le notizie della morte di Osama bin Laden si sono diffuse su Twitter - Social Media - 2019

Anonim

Twitter è stato a lungo considerato la fonte di riferimento per le ultime notizie. Ma quella reputazione è diventata saldamente radicata nella psiche mainstream con la morte di Osama bin Laden la scorsa domenica. Non solo le persone passavano link a articoli di notizie e video in diretta, ma le fonti primarie - quelle con conoscenza diretta delle notizie - raccontavano al mondo le loro rivelazioni in forma di tweet.

Per avere una visione più approfondita di come le notizie di Bin Laden siano state pubblicate su Twitter, SocialFlow, società con sede a New York, ha condotto un'analisi approfondita di quasi 15 milioni di tweet relativi a Osama bin Laden. Con queste informazioni, hanno creato questo diagramma di flusso galattico (sopra) che mostra come Keith Urbahn, ex capo dello staff del Segretario alla Difesa Donald Rumsfeld - ma un giocatore relativamente piccolo nel Twitterverse - sia diventato il più influente giornalista di questa settimana.

"Un'ora intera prima dell'annuncio formale della morte di Bin-Laden", scrive Social Flow in un post sul blog, "Keith Urbahn ha pubblicato la sua speculazione sull'indirizzo presidenziale di emergenza. Non sapeva che questo Tweet avrebbe innescato una valanga di reazioni, Retweet e conversazioni che avrebbero battuto i media mainstream così come l'annuncio della Casa Bianca ".

Come nota il Social Flow, Urbahn non fu la prima persona a ipotizzare che le notizie imminenti dalla Casa Bianca fossero la morte di Bin Laden. Un certo numero di altri tweeter, tra cui il commentatore politico libertario @commentkazi, @kerrioki e @ speechboy71, Senior Fellow dell'American Security Project, diretto da Michael Cohen offline, hanno ipotizzato su Twitter che Osama bin Laden sia stato ucciso. Ma è stato il tweet di Urbahn alle 22:24 pm EST, "Così mi è stato detto da una persona rispettabile che hanno ucciso Osama Bin Laden. Accidenti, "ha preso il volo e reso ufficiale la notizia.

"La velocità con cui il messaggio di Keith si è diffuso è sbalorditiva", scrive SocialFlow. "In un minuto, più di 80 persone avevano già ripubblicato il messaggio, incluso il giornalista di NYTimes Brian Stelter. Nel giro di due minuti, oltre 300 reazioni al post originale si stavano diffondendo attraverso la rete. Questi numeri rappresentano le persone che hanno ritwittato il messaggio originale di Keith o hanno inviato una reazione ad esso. Il numero effettivo di impressioni (le persone che hanno visto il messaggio di Keith nel loro stream ma non lo hanno ripubblicato) è sostanzialmente più alto. "

Oltre a Stelter, che ha un seguito di 50.000 persone su Twitter, altri influenti account Twitter hanno rafforzato lo scoop di Urbahn. Questi account includevano @ObamaNews, la personalità di Fox News @andylevy e il popolare sito web @LaughingSquid.
Come conclude SocialFlow, la diffusione violenta dei tweet di Urbahn è dovuta all'influenza di coloro che hanno twittato la notizia, la "fiducia" che le persone hanno avuto nella validità delle fonti e l'enorme quantità di persone che erano su Twitter, cercando di scopri di cosa trattava tutto questo trambusto.

"Keith Urbahn non è stato il primo a speculare sulla morte di Bin Laden, ma è stato colui che ha ottenuto più fiducia dalla rete", conclude SocialFlow. "E con ciò, la situazione perfetta si è svolta, dove il tempo, il giusto pubblico in rete social-professionale, insieme a un'informazione di importanza critica hanno portato a un'esplosione di affermazione pubblica della sua affidabilità".

Clicca qui per una versione a piena risoluzione del grafico Twitter SocialFlow.