CINQUE PRINCIPI PER LA REALIZZAZIONE DELLA PROSSIMA GRANDE PIATTAFORMA VIDEO: IL TECHCRUNCH - SOCIAL MEDIA - 2019

Anonim

Michael Segal Contributor

Michael Segal è senior associate presso Bessemer Venture Partners, dove si occupa di investimenti nella fase iniziale di video consumer, SaaS ed e-commerce. In precedenza ha co-fondato diverse start-up di consumatori, tra cui Skylight Frame e Curio Road.

Ethan Kuzweil Contributor

Ethan Kurzweil è partner di Bessemer Venture Partners, dove si occupa di investimenti in video, tecnologie di consumo e piattaforme di sviluppo.

Il video sta mangiando internet. Rappresenta circa il 75% del traffico Internet, con gli americani che consumano più di un'ora di video online ogni giorno, più di tre volte rispetto al 2011.

Piattaforme affermate come YouTube e Netflix catturano gran parte di questo traffico, ma ci sono anche un numero di nuovi giocatori che sfruttano l'opportunità di video. Snapchat, Instagram e Facebook, tutte originariamente piattaforme fotografiche, stanno abbracciando entusiasticamente il formato video, e una serie di nuove piattaforme video come Twitch e Musical.ly stanno crescendo esponenzialmente.

Come investitori, cerchiamo tendenze che rivelino opportunità future. La crescente voglia di video ha spinto Bessemer a investire in grandi aziende come Twitch, Smule e Periscope. Mentre il video continua a crescere, continueremo a investire. Comprendendo dove potrebbe trovarsi la prossima occasione, una domanda che ci poniamo è: quali principi hanno in comune le nuove piattaforme video di trasformazione?

Recentemente, abbiamo ospitato Spotlight: Video, un evento che ha riunito i leader nei video online per aiutare a rispondere a questa domanda (e altre). Attraverso le loro prospettive e conversazioni con le startup video emergenti, abbiamo distillato una serie di cinque principi fondamentali per il successo nello spazio video.

Anche se nessuna lista di questo tipo può essere completa e ogni regola ha delle eccezioni, siamo lieti di contribuire con i nostri pensieri alla conversazione in corso sul futuro del mezzo.

Se il tuo modello è guidato da contenuti generati dagli utenti (UGC), la creazione di un video richiede pochi secondi, non minuti

Le nuove piattaforme aspirano ad avere milioni di consumatori che creano e condividono video in un modo straordinariamente avvincente. La maggior parte non riesce a raggiungere questo obiettivo per una semplice ragione: è incredibilmente difficile creare rapidamente un contenuto interessante.

La tua piattaforma può avere una gamma incredibile di funzionalità che consentono l'espressione creativa, ma se l'utente medio non può realizzare un video eccezionale in 30 secondi o meno (idealmente molto meno!), È probabile che non lo faranno mai. In un mondo in cui decine di migliaia di app competono per l'attenzione del consumatore, la riduzione del "time to value" (ovvero il tempo necessario a un utente per creare qualcosa di delizioso) è fondamentale.

Ad esempio, Snapchat ti consente di registrare facilmente video, metterli insieme e aggiungere filtri e messaggi, creando contenuti complessi in pochi secondi con un paio di tocchi, come illustrato dalla storia persa in mare di DJ Khaled.

Fonte: DJ Khaled / Snapchat

La creazione di video è un processo di autocoscienza

Le migliori piattaforme minimizzano la pressione sociale e riducono la barriera alla creazione. Realizzare un video può essere un processo stressante e impegnativo: nessuno vuole realizzare un contenuto non interessante o imbarazzante.

Piattaforme come Twitch e Musical.ly abbassano abilmente la barra per creare. Invece di un'intimidabile tela video vuota, ti danno una semplice richiesta, come "registra te stesso mentre giochi al tuo videogioco preferito" o "sincronizzazione labiale alla tua canzone preferita" che rende facile la produzione di contenuti divertenti e condivisibili. Tutte le grandi piattaforme video sono intelligenti nel minimizzare l'autocoscienza.

Funzionalità divertenti come filtri, adesivi e maschere semplificano la creazione di contenuti divertenti. Incoraggiano anche contenuti "nel momento" che non vogliono essere lucidati.

via GIPHY / Giphy Credito: Jimmy Fallon fallontonight.tumblr.com

Non tutte le piattaforme sono gestite tramite UGC

Se il tuo modello è guidato da creatori di energia, costruisci per loro. I nostri primi due principi riguardano specificamente le piattaforme UGC, in cui una parte significativa degli utenti deve creare e condividere contenuti per far prosperare la rete. Non tutte le piattaforme accettano questo modulo. Alcuni fanno molto affidamento sui creatori di energia, un piccolo sottogruppo di utenti che impiegano tempo e sforzi per creare contenuti esclusivi per il resto della comunità da guardare e divertirsi.

Il primo passo verso la creazione di una piattaforma incentrata sul potere è quello di riconoscere questo obiettivo: le piattaforme possono fallire cercando di coltivare una rete UGC con un prodotto che i consumatori medi non accetteranno mai.

In secondo luogo, dare la priorità all'attrazione dei creatori di energia sin dal primo giorno promuovendoli e consentendo loro di creare, gestire e coinvolgere un vasto pubblico. I principali creator hanno diverse piattaforme tra cui scegliere e sono attenti a dove concentrano i loro sforzi. Una nuova piattaforma deve fornire un nuovo modo per coinvolgere il pubblico esistente di un creatore, abilitare una relazione diretta con i fan e offrire nuovi significativi spettatori. Senza questi elementi, i principali creatori potrebbero non essere motivati ​​a rischiare di provare una nuova piattaforma e, senza il loro contenuto, la piattaforma non prospererà.

Vine è stato un buon esempio. La sfida di creare un grande video entro sei secondi è difficile. Tuttavia, alcune persone, come King Bach con più di 16 milioni di follower, sono bravissime e Vine ha fatto un lavoro fantastico per attrarre questi creatori di potere sulla loro piattaforma.

Video credit: King Bach, "The Blind Hitman" con Christian DelGrosso, Logan Paul e George Janko

Non riempire un secchio che perde

Costruisci una piattaforma in grado di trattenere i clienti prima di concentrarti sull'attrazione di nuovi utenti. Come investitori, abbiamo assistito a innumerevoli esempi di piattaforme che hanno sviluppato un'intelligente meccanica virale che ha fatto salire il traffico alle stelle, per poi tornare sulla terra o addirittura scomparire solo poche settimane o mesi dopo. La ragione di questo schema è semplice: queste aziende attivano un motore di crescita (o ottengono qualche promozione a sorpresa che le getta in modalità di crescita) senza prima assicurarsi che il prodotto sia abbastanza convincente da mantenere gli utenti nel tempo.

Lo stesso Churn non è intrinsecamente malvagio. Anche le migliori piattaforme vedono un gran numero di utenti provare la loro app e non tornare mai più. Ma ciò che distingue le migliori piattaforme è che i loro gruppi di fidelizzazione degli utenti si appiattiscono rapidamente, con almeno il 20% degli utenti che si impegnano ogni settimana o mese per sempre. Le piattaforme di "leaky bucket" spesso vedono le coorti scendere a ritenzione a lungo termine <5% nel corso dei primi mesi.

Investire nella conservazione a lungo termine può essere uno sforzo impegnativo e dispendioso in termini di tempo e spesso non completo. Ma le piattaforme che non investono in ritenzione dal primo giorno rischiano la morte improvvisa: possono mostrare numeri di crescita impressionanti e persino attrarre investimenti significativi, ma potrebbero non essere redditizie a lungo termine.

Musical.ly è un buon esempio. Hanno iniziato costruendo una fantastica esperienza di creazione di video centrata sulla sincronizzazione labiale. Se si fossero fermati lì, il loro successo avrebbe potuto essere un flash-in-the-pan. Invece, concentrandosi sulla conservazione dall'inizio e sulla stratificazione delle funzionalità per far tornare gli utenti ogni giorno, hanno creato una piattaforma duratura.

Tagga la tua squadra