La ridefinizione dei contenuti di AOL-HuffPo continua, prevede di espandere Patch - Social Media - 2019

Anonim

Quest'anno AOL ha subito alcuni cambiamenti dinamici e gli effetti della sua fusione HuffPo si fanno ancora sentire. Sta diventando sempre più chiaro che l'azienda sta riconfigurando le sue notizie e la strategia dei media, qualcosa che l'amministratore delegato Tim Armstrong e il responsabile del contenuto Arianna Huffington a volte sono stati difensivi e in altri sorprendentemente sinceri e spesso criticati. Ma a prescindere dallo scetticismo sulla sua riorganizzazione dei contenuti, le intenzioni di AOL sono tutt'altro che scontate: la tendenza locale o il fallimento. In un comunicato stampa, AOL ha annunciato che sta scommettendo su Patch, la sua piattaforma di notizie-forum iper-locali. AOL ha in programma di aggiungere 33 nuove posizioni di patch e sta facendo una campagna di assunzioni per riempire le posizioni di contibutor.

Patch ha sviluppato una certa reputazione quando si tratta di decisioni sull'occupazione. L'annuncio di AOL prevedeva l'assunzione di circa 800 scrittori di patch a tempo pieno subito dopo aver annunciato l'ennesimo giro di tagli severi del personale di redazione. Mentre questa è una preoccupazione legittima per gli scrittori di personale della compagnia che stanno vedendo un rapido passaggio ai contenuti locali (e ai freelance locali con salari più bassi), la scelta dei luoghi di patch di AOL è più intrigante. Il primo nuovo lancio è Camp Pendleton, un sito militare in California, e la sua pagina è già attiva e funzionante. Il sito fa parte dello sforzo di Patch Military, che Huffington descrive come una "nuova offerta particolarmente soddisfacente" che si concentra sui bisogni e gli interessi delle famiglie militari, in particolare sul fatto che molti di loro sono costantemente trasferiti. La conseguenza è ovviamente che la tendenza iper-locale si perde su molti di loro, qualcosa che Patch sta cercando di conquistare e capitalizzare direttamente.

L'editore del sito di Camp Pendleton è Jared Morgan, ex marine degli Stati Uniti che ha anche un passato di giornalismo e fotografia.

Patch prevede anche di diventare politico, senza diventare partigiano. "Le patch per lo stato primario consentiranno ai cittadini di consumare e condividere informazioni sulle elezioni in alcune delle aree politicamente più impegnate del Paese", afferma il presidente di Patch Media Warren Webster. Secondo AOL, Patch fungerà da piattaforma per discussioni politiche e stimolerà il coinvolgimento piuttosto che diventare un soapbox per partiti specifici. AOL ha anche annunciato che investirà nei suoi siti Patch Latino.

Come se un sito dedicato alla tua città natale non fosse abbastanza iper-locale. AOL punta sul successo di Patch: negli ultimi due anni ha investito circa $ 115 milioni nel sito e spera di avere 1 000 siti dedicati entro il 2012. Mentre raggiungere un pubblico incline alla delocalizzazione identifica sicuramente un pubblico di nicchia, non sembra necessariamente che il suo potenziale di guadagno giustifica il denaro che viene versato in esso.

Quello che sembra più redditizio si sta preparando per le elezioni del 2012. Gli elettori hanno adottato strumenti di social networking e geo-localizzazione in modo febbrile e una sorta di elemento di social-check-in locale da Patch potrebbe avere successo. Detto questo, Foursquare e Facebook hanno dominato fermamente questo mercato l'ultima volta, e non siamo così sicuri che cambierà.

Per quanto riguarda la copertura dei contenuti più tradizionale di AOL, il sito è in costruzione. "Siamo nel mezzo della ricostruzione dell'operazione di contenuto e ci stiamo muovendo il più velocemente possibile. L'obiettivo è che ogni sito abbia un'identità distinta, che non era necessariamente il caso prima ", ha detto Huffington a PaidContent all'inizio di questa settimana. Il sito mira a creare "grandi pagine di notizie" sulle principali notizie per cercare di attirare i lettori e mantenerli lì più a lungo. E in questo tentativo, AOL assumerà alcuni scrittori di rilievo e sì, li pagherà.

In risposta alle polemiche riguardanti la dipendenza del sito da blogger remessi, Huffington ha detto: "Penso che molte persone sappiano di cosa stiamo parlando e non mi preoccupo troppo dei critici disinformati a questo punto".