Al Jazeera English lancia "The Stream", un talk show sui social network - Social Media - 2019

Anonim

Con il Medio Oriente sconvolto dalle proteste organizzate con l'aiuto di servizi come Twitter e Facebook, Al Jazeera English ha in programma di lanciare un nuovo talk show incentrato sui social network, i report Wired .

Soprannominato "The Stream", il nuovo programma inglese di Al Jazeera è stato in lavorazione per l'anno scorso, rendendo il suo debutto al debutto un tempismo semplicemente fortunato, mentre le proteste nel mondo arabo continuano a filtrare. (In posti come la Libia, le proteste si sono trasformate in una guerra civile a tutto campo.)

A differenza degli spettacoli regolarmente programmati, "The Stream" sarà basato su uno script composto da tweet in arrivo, post di Facebook e video di YouTube dagli spettatori e "il Web in generale". (Pensa a "Tosh.0", ma senza tutto il vomito scherzi). Secondo quanto riferito, i produttori dello show stanno prendendo in considerazione l'utilizzo di Storify, un nuovo servizio che consente agli utenti di trasformare facilmente una raccolta di tweet in una narrazione coesa, per aiutare a costruire il contenuto dello spettacolo.

Per rendere lo show il più possibile incentrato sui social network, gli host di "The Stream" leggeranno tweet e altri aggiornamenti non appena entreranno in gioco. Se la tecnologia collabora, a volte le interviste con gli ospiti verranno condotte utilizzando Skype.

"Ci faremo molto affidamento su ciò di cui le persone stanno parlando", ha detto Ahired Shihab-Eldin a "The Steam", dice Wired.

Al Jazeera l'inglese ha visto un enorme aumento di popolarità negli ultimi mesi, specialmente negli Stati Uniti, a causa della sua inesauribile copertura dei disordini sociali in Egitto e altrove nel Medio Oriente e nel Nord Africa. Spera che "The Stream" possa aiutare a promuovere il progresso dei social media come una forma legittima di pubblicazione delle informazioni.

"La democratizzazione del mondo arabo è direttamente correlata alla democratizzazione dei media", dice Shihab-Eldin in un podcast su "The Stream". "Non si tratta solo di organizzare proteste … ci sono tanti modi diversi in cui i social media sono usato per connettere le persone oltre i confini, ma anche per collegare vecchi media con nuovi media, per combattere la battaglia, per combattere l'oppressione ".

Dovremo aspettare qualche mese per l'uscita dello show per sapere se "The Stream" può evitare le insidie ​​della CNN e il suo uso esagerato di touch-screen e ologrammi.